Marilyn Monroe, le frasi della indimenticabile diva americana

Bionda e dalle curve mozzafiato, Marilyn Monroe rappresenta una vera e propria icona del cinema mondiale. La celebre diva americana, nata a Los Angeles nel 1926, visse un’infanzia infelice ed iniziò giovanissima a lavorare nel mondo della moda e dello spettacolo.

Durante la sua sfolgorante carriera, l’affascinante attrice ha interpretato pellicole celebri come Quando la moglie è in vacanza, Come sposare un milionario e Gli uomini preferiscono le bionde. La diva è morta in seguito ad un’overdose di barbiturici.

In questa pagina si propone una lista con alcune frasi celebri di Marilyn Monroe, sex symbol dal fascino senza tempo.

Hollywood è un posto dove ti pagano mille dollari per un bacio e cinquanta centesimi per la tua anima.

Non sono interessata al denaro. Voglio solo essere meravigliosa.

Mi è capitato spesso di finire su un calendario. Ma mai per una data precisa.

C’è sempre qualcuno che ti strattona. Come se tutti volessero strappare un pezzetto di te.

Non sarò soddisfatta finché la gente non vorrà ascoltarmi cantare senza aver bisogno di guardarmi.

Dopo mio marito e Marlon Brando, penso che Yves Montand sia l’uomo più attraente che abbia mai incontrato.

Non desidero niente altro. Uomini, denaro, amore, ma solo il talento per recitare.

Non sono stata abituata alla felicità: è qualcosa che non ho mai dato per scontato, ma pensavo che sarebbe arrivata con il matrimonio.

Vorrei essere felice. Ma chi lo è? Chi è felice?

Cosa indossa per andare a letto? Due gocce di Chanel N°5. Perché è la verità! Capisce, non voglio dire “nuda”. Ma è la verità.

Sono commossa and grazie.

Un giorno o l’altro diventerò una grande stella del cinema.

Ho imparato a camminare da piccola e non ho mai preso lezioni in merito.

Non ho mai fatto nulla deliberatamente per migliorare il mio modo di camminare… Cammino ecco tutto.

Il primo marito di mia madre si chiamava Baker; il secondo, Mortenson. Quando nacqui io, lei aveva già divorziato da tutti e due.

Quando ero piccola, nessuno mi diceva mai che ero carina; bisognerebbe dirlo a tutte le ragazzine, anche se non lo sono.

Sapevo di appartenere al pubblico e al mondo, non per il talento o la bellezza, ma perché non ero mai appartenuta a nient’altro o a nessun altro.

Il sesso fa parte della natura, e io seguo la natura.

Se avessi rispettato tutte le regole, non sarei arrivata da nessuna parte.

Ho sognato la bellezza per lo più a occhi aperti. Ho sognato di diventare tanto bella da far voltare le persone che mi vedevano passare.

La gente non mi vede! Vede solo i suoi pensieri più reconditi e li sublima attraverso di me, presumendo che io ne sia l’incarnazione.

La fama è volubile, lo so. Regala gratificazioni e inconvenienti, io li ho sperimentati entrambi.

Buonanotte, buon riposo, dormi bene. Ovunque tu posi la testa, spero troverai il tuo naso.

Voglio dire che se sono una Diva lo devo al pubblico. Ma lo devo solo al pubblico e non a una casa cinematografica, o a chiunque altro.

Montgomery Clift? È l’unica persona che io conosco che sta peggio di me.

Siamo tutti e due pazzi. Monty lo spostato, Marilyn la spostata. Quando lo osservo vedo in lui il fratello che non ho mai avuto e mi sento più coraggiosa, divento protettiva.

Per la prima volta sono davvero innamorata. Arthur è una persona seria, ma ha uno splendido sense of humor. Fra noi ridiamo e scherziamo spesso, sono pazza di lui.

Arthur Miller? È un uomo brillante e uno scrittore meraviglioso, ma credo sia meglio come scrittore che come marito.

Un sex symbol diventa un oggetto, questo è il guaio. Ma se dovessi essere il simbolo di qualcosa, preferirei esserlo del sesso piuttosto che di tante altre cose di cui esistono simboli.

Sentivo la mia mancanza di talento come se internamente indossassi abiti da quattro soldi. Ma, mio Dio, quanto volevo imparare, migliorare.

Se sei famosa la gente crede di avere il diritto di dirti in faccia qualunque cosa, come se questo non potesse ferirti… A volte penso che sarebbe meglio evitare la vecchiaia e morire giovane. Ma vorrebbe dire non completare la propria vita, non riuscire a conoscersi completamente.

Non basta andare a letto per diventare una star… Ci vuole di più, molto di più. Però aiuta. Un sacco di attrici hanno avuto la loro prima occasione grazie a quello. Gran parte degli uomini sono talmente orribili, meritano che se ne cavi tutto quanto si può!

Gesù. Non avevo mai pensato di far effetto alla gente, finché non andai in Corea. La cosa più bella che mi fosse mai capitata. Prima di allora in cuor mio non mi ero mai sentita una stella. Era così meraviglioso guardare giù e vedere persone che mi sorridevano.

Dal mio matrimonio speravo di ricavare amore, calore, affetto e comprensione. Invece è stata una relazione basata sulla freddezza e sull’indifferenza.

Lassù, fra le luci, c’era il mio nome. “Dio, qualcuno dev’essersi sbagliato”, mi dissi. Ma era là, tutto illuminato. Allora mi sedetti e mi dissi: “Ricordati, non sei una stella”. Ma il nome era proprio lassù, in piena luce.

Una volta celebri, sapete, potete leggere cose sul vostro conto, le idee di qualcun altro su di voi; ma ciò che conta — per sopravvivere, per affrontare giorno per giorno ciò che vi capita — è quel che pensate di voi stessi.

Tutti veniamo alla luce con la nostra sessualità, grazie a Dio, ma è un peccato che così tanta gente disprezzi e soffochi questo dono naturale. L’arte, la vera arte, viene da lì, come ogni cosa.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *