Proverbi friulani

Al confine con Austria e Slovenia, il Friuli Venezia Giulia è una regione ricca di fascino e storia. Affacciata sul Mare Adriatico e circondata dalle montagne, la regione situata nell’estremità nord orientale dell’Italia racchiude in sè tanti diversi paesaggi e una storia millenaria segnata da grandi cambiamenti e l’incontro tra culture assai diverse tra loro.

“Terra di contrasti”, il Friuli Venezia Giulia vanta città che sono delle vere e proprie perle: Trieste, Udine, Gorizia e Aquileia, solo per citarne alcune.

Come tutti gli abitanti delle zone di confine, i friulani sono gente caparbia, amante della vita e particolarmente legata alle proprie tradizioni. In questa pagina si riportano proverbi friulani che ben rappresentano lo spirito e la cultura di una delle regioni più belle del nostro Paese.

Poc se spind, poc se gold.

(Poco si spende, poco si gode)

O fasarài al è fradi di nò fâ mai.

(Farò è fratello di non fare mai)

Si po’ perdonâ, ma no dismenteâ!

(Si può perdonare, ma non dimenticare)

Amor senze barufe e fas le muffè.

(Amore senza litigare fa la muffa)

Al can de dó paróni al resta senza magnàr.

(Il cane di due padroni rimane senza cibo)

Cui sudôrs de furlanie vin, polente e ligrie!

(Con le fatiche dei friulani, vino, polenta e allegria)

A vê il morôs ‘e jè una crôs, a no vêlu a’ son dôs.

(Avere il fidanzato è una croce, ma non averlo sono due croci)

Il matrimoni: s’al ‘ere un bon sacrament s’al tignivin i prèdis.

(Il matrimonio: se era un buon sacramento se lo tenevano i preti)

Nol è nissun matrimòni che nol jentri il demoni.

(Non c’è nessun matrimonio in cui non entri il demonio)

L’aghe ruvine i puinz e il vin il cjaf.

(L’acqua rovina i ponti e il vino la testa)

Dute le robe del mondo le sta ta la pònta de la lengua.

(Tutte le cose del mondo stanno sulla punta della lingua – non bisogna mai aver timore a domandare)

I uséi se li ciapa co i xe’ncóra ta la cóa.

(Gli uccelli si prendono quando sono ancora nel nido)

Ten su i amîs in public e coregju in privât!

(Difendi i tuoi amici in pubblico e correggili in privato)

Se tu cìris l’uguagliance tu le cjàtis tal simitieri

(Se cerchi l’uguaglianza la trovi al cimitero)

Chel ch’al ûl la fie ch’al cjareci la mari!

(Chi vuole la figlia accarezzi la madre!)

Nàncje in paradîs no si sta ben bessôi.

(Neanche in paradiso si sta bene da soli)

La tristèrie si impare cence mèstris.

(La cattiveria si impara senza maestri)

I siôrs àn il paradîs in chest mont.

(I ricchi hanno il paradiso in questo mondo)

Chi xe in mar ,naviga. Chi resta in tera, stroliga.

(Chi è in mare naviga. Chi rimane a terra fa congetture)

A maridasi si sta ben un mês, a copâ il purcìt si sta ben un an.

(Sposandosi si sta bene un mese, ammazzando il maiale si sta bene un anno)

Xe mejo un comandante mona che due inteligenti.

(Meglio un comandante scemo che due intelligenti)

Il clip di mai al svee il caj.

(Il tiepido di maggio sveglia la lumaca)

Vin e amîs, un paradîs.

(Vino e amici, sono un paradiso)

La cjase dai contèns ‘a è anciemò di fâ.

(La casa dei contenti è ancora da fare)

Ogni mat al par savi quant ch’al tas.

(Ogni matto sembra savio quando tace)

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *